lunedì, novembre 27, 2006

Il sogno donato...

Nel mese di Ottobre una carissima amica mi ha donato il suo “sogno”...
Fin da bambina sognava di coltivare gli ulivi e quando ci è riuscita, parte del suo primo raccolto me lo ha donato, pregandomi di utilizzarlo per creare qualcosa che potesse rispettare il suo colore, il suo sapore ed il suo aroma.
Mi sono messa a pensare... che cosa si può fare con delle fresche olive verdi?
Subito ho capito che dovevo svincolarmi dall’ingrediente oliva e dovevo invece vincolarmi all’ ”offerta del sogno”. Avrei dovuto cioè creare qualcosa che a mia volta avrei potuto offrire! E che cosa avrei potuto offrire se non un dolce al cucchiaio?
E’ tradizione in Grecia dare il benvenuto all’ospite con un “dolce al cucchiaio”, cosiddetto in quanto la sua quantità, quando viene servito, non deve superare il contenuto di un cucchiaino.
La differenza tra dolce al cucchiaio, marmellata e composta è che la frutta conserva la sua forma iniziale, il suo colore, il suo sapore e aroma. Inoltre, gli unici ingredienti usati sono l’acqua, lo zucchero ed il succo di limone.
Sono rimasta piacevolmente sorpresa e mi sono sentita trasportare indietro nel tempo l’ultima volta che sono stata a Salonicco e sono andata a prendere il caffé in un “kafenio”. Assieme al caffè, servito nel briki, ci hanno offerto un dolce al cucchiaio a base di melanzane bianche. Mi hanno spiegato che è ritornata l’abitudine di dare il benvenuto all’ospite-cliente, addolcendo i primi momenti...
Avendo ricevuto un sogno non posso che offrivi una ricetta!
.
Dolce al cucchiaio di olive verdi
.


Ingredienti: 1,2 Kg di zucchero, 1 Kg di olive verdi snocciolate, 800 gr di acqua, la scorza grattugiata di 4 limoni, il succo di 4 limoni.

Facciamo bollire l’acqua con lo zucchero per 5 minuti. Tagliamo a fette sottili le olive e le mettiamo nello sciroppo. Abbassiamo il fuoco ed aggiungiamo la buccia grattugiata ed il succo dei limoni. Facciamo bollire fin quando la miscela non si amalgama.

8 commenti:

isoladisaffo ha detto...

Direi che come idea è originalissima e che tu abbia esaudito la richiesta.....
Sono curiosa riguardo al sapore; potresti descriverlo?

Anonimo ha detto...

Οταν πήγαινες επίσκεψη σ' ένα σπίτι, έβγαινε η οικοδέσποινα, σου έλεγε «ένα γλυκάκι, το 'φτιαξα με τα χεράκια μου». Aργότερα προέκυψε από το τάδε ζαχαροπλαστείο η τυποποιημένη τούρτα. Tο πρώτο πόσο καλύτερο είναι. N' απασχολεί τη νοικοκυρά ο φιλοξενούμενος που θα 'ρθει στο σπίτι, να του προσφέρει κάτι πέρα από το φαγητό και τον καφέ. Kαι φτιάχνει ένα γλυκό. Eίναι ωραίο και λεπτό σαν χειρονομία. Πολύ λίγο επενδύουμε πια από το προσωπικό μας γούστο στα πράγματα που χρησιμοποιούμε ή προσφέρουμε στους άλλους.
Kι όχι μόνο. Zούμε για να εκπληρώνουμε τις υποχρεώσεις μας. Δηλαδή ζούμε μια ζωή που είναι βάρος στην ουσία. Πρέπει να γίνει τούτο, πρέπει να γίνει εκείνο, αλλά δεν ζει κανένας για τον εαυτό του πραγματικά. Δεν υπάρχει χρόνος να ζήσει για τον εαυτό του.
H αίσθηση που βγάζει το γλυκό του κουταλιού. Kάτι που όσο πάει κι εξαφανίζεται. H προσωπική επαφή. Οι συναντήσεις μας γίνονται τρομερά τυπικές κι άψυχες.Οσο για τη γεύση, ευφραίνομαι ό,τι γλυκό του κουταλιού κι αν είναι.
... προτιμω αυτό που βγαίνει από τα φύλλα του τριαντάφυλλου. Σπανίζει. Πρέπει να βρεις εκατόφυλλο τριαντάφυλλο για να το κάνεις. Eίναι λίγο πικρό. Mεταφορικά, το αισθάνομαι, «πάνω σε ασημένιο δίσκο». Kάτι που έρχεται από τα παλιά...

Dimitrios

orizzontidelgusto ha detto...

@isola,
Difficile descriverlo... comunque è molto dolce, di consistenza croccante con un delicato retrogusto di oliva.
Ho organizzato una serata con vini formaggi e marmellate... direi che è stata la STAR INDISCUSSA!

@Dimitrios,
Vorrei tanto tradurre per condividere queste parole ma so che non me lo permetteresti mai...
Se euxaristw

fradefra ha detto...

C'è molta poesia nel concetto di sogno donato... Bello, molto bello.
Torni qualche volta a Roma?

il maiale ubriaco ha detto...

fantastica ricetta e bellissimo pensiero. Mi fossi trovato a fare\ricevere un dono simile mi sentirei al settimo cielo. Davvero complimenti per il blog. Spero di poterti leggere spesso..anche se ammetto a volte il tempo e' tiranno e non ho tanto tempo per me stesso...grazie. A presto.

Re

Gourmet ha detto...

Che bello!!! Bellissimo il tuo pensiero, pieno di poesia e dolce la ricetta.
La tua amica ne sarà felice... ;-)
Perfetta per i pacchi di natale!!

orizzontidelgusto ha detto...

@Francesco
io praticamente abito a Roma...

@Re
grazie per i complimenti!

@Sandra
condivido... sono un dono perfetto per il Natale!! Ti dirò di più, quest'anno agli amici più cari regalerò solo cose fatte da me. Vorrei scrivere un post a tal proposito!

Gourmet ha detto...

Cara .. ;-)
abbiamo avuto la stessa idea!!!
Post dedicato alla consegna dei regali HOMEMADE!!