martedì, dicembre 12, 2006

La mia cucina... il centro del mondo.

Controllo la mia cantina, carico il mio I-pod con musica regalatami dalla rete, conto i giorni sul calendario; con una mano metto in ordine le ricette che ho già scelto e con l’altra organizzo la lista con i nomi: non è che ho dimenticato qualcuno? Parenti, amici... tutti lì.
Devo sterilizzare decine di vasetti di diverse misure e scendere sotto casa per comprare i cesti.
Mi sto organizzando! Nelle feste di quest’anno regalerò delle bontà fatte con le mie mani, nella cucina di casa mia: marmellate, cioccolatini, biscotti, confetture, piccole cose “da gourmet” che a tutti fa piacere avere nella propria dispensa e frigorifero, ma che la pigrizia non lo permette.
Siamo a Dicembre e nella cucina di casa mia festeggerò gli ultimi giorni del 2006 uno ad uno, cucinando i regali per le festività. Seleziono gli ingredienti buoni ed economici; la cucina “casareccia” assorbe la sua forza prima dal cuore e poi dal portafoglio, ed ha lo scopo di “conquistare”, di trasportare amore e calore e non di far una figura “economica” con ingredienti cari.
Nella preparazione avrò bisogno di mani amiche: sbucciare, tagliare frutta e verdura, scrivere le etichette con inchiostro e lettere calligrafiche!
Aspetto con impazienza i pomeriggi di Dicembre, quando ci raccoglieremo in cucina, bevendo vini novelli, con sorrisi e musica, salutando il tempo minuto per minuto, cucinando, filosofando e facendo progetti per l’anno che sta per venire a trovarci tra pochi giorni.
Scendo a piazza Vittorio con le mani in tasca ed ogni due passi mi soffermo ad “assaporare” gli odori che emanano i banchi del mercato, per “odorare” i suoni delle lingue, per perdermi tra i venditori, professionisti e non – che da tutti i punti del mondo si sono incontrati per comprare e vendere gli ingredienti più improbabili che si incontreranno nelle casseruole più ispirate.
Le persone mi affascinano, sto per andare in un ristorante egiziano e trasformare i suoni e gli odori in gusto, ma le luci di Natale mi riportano alla realtà!
Voglio tornare subito a casa, alla mia cucina. E’ l’undici di Dicembre e per i prossimi quattordici giorni farò sì che la mia cucina diventi il centro delle festività di quest’anno, farò sì che la mia cucina diventi il centro del mondo.
Oggi vi posto una delle ricette prescelte...
.
Torrone con mandorle e pistacchi.
..

Ingredienti: 220 gr di zucchero, 150 gr di miele, 100 gr di acqua, 50 gr di glucosio, 40 gr di albumi, 300 gr di mandorle pelate, 125 gr di pistacchi non salati, zucchero a velo, 2 gr di olio di masticha.

Facciamo bollire in una pentola lo zucchero, l’acqua e il glucosio. In un’altra pentola facciamo bollire il miele. Montiamo gli albumi a neve e aggiungiamo poco alla volta, ma di continuo, il miele. Iniziamo a battere il miscuglio di zucchero e quando raggiunge la temperatura di 145°C aggiungiamo un poco alla volta, l’albume con il miele. Continuiamo a battere per 25 minuti circa e poi aggiungiamo le mandorle, i pistacchi e l’olio di masticha. Spolveriamo il fondo di una teglia (del diametro di 16x16 cm) con lo zucchero a velo, ci versiamo sopra il composto e lo spolveriamo sopra con altro zucchero a velo. Lasciamo freddare e tagliamo a cubi.

6 commenti:

voula ha detto...

Βρεεεέχει ...
torrone con mandorle e pistacchi e ....μαυροδάφνη και αναμμένο τζακι!!!!
Τέλειο!!!

fradefra ha detto...

Ciao Orizzonti, avrei bisogno di mettermi in contatto con te, ma non vedo modo. Mi scriveresti alla email che ti indico? Scusa se uso il commento, ma non so come fare.
fradefra at maisazi.com

Orchidea ha detto...

Bellissimo il tuo torrone... che buono.
Ciao.

Gourmet ha detto...

anche io come te sto iniaziando a preparare i cetini!!! Qualcuno avrà il suo personale regalino già sabato sera, per la cena a casa...
E il tuo torrone è davvero fantastico!!!
grazie per la ricetta, proverò a farne un pò anche io!
un abbraccio

orizzontidelgusto ha detto...

@voula,
i tuoi commenti una favola da realizzare...

@francesco,
il b-blogger ha mandato un po in tilt tutto. Ti ho gia mandato un e-mail, ma non so se tu la hai ricevuta.

@orchidea - sandra
grazie!

fradefra ha detto...

No, og, non è arrivata alcuna email.

Riprovi?